home dipinti ciondoli il talismano scoperte event-gallery rass. stampa
 

Commenti a   IL MIO TESTAMENTO BIOLOGICO E MORALE

 

Orsola - Genova

24.11.14

Sono senza parole Mari è bellissimo pare quasi l'inizio di un romanzo. Complimenti

Nicoletta Bernuzzi - Cremona

24.10.14

Bellissimo

Gisella - Termini Imerese

06.03.14

Sono perfettamente in sintonia con quanto viene scritto in questo articolo che non fa altro che esprimere a parole ciò che ho sempre pensato sulla sacralità della vita e della morte, sull'importanza assoluta della dignità umana e sul diritto di ogni essere umano di vivere e morire dignitosamente.

Pier Paolo Saba - Olbia

30.04.11

Carissima amica mia, Mari, mi complimento vivamente per il tuo -IL MIO TESTAMENTO BIOLOGICO-, scritto, ed esposto in maniera estremamente sentita, su un problema sociale che, volenti o nolenti, coinvolge l'umanità intera, e non solo noi italiani, e /o, forse, Europei in genere.

La presente, a seguito della tua esposizione, segue i commenti e le sensazioni individuali, di  tanta gente che è intervenuta, a seguito dello stato emozionale che hai sollevato in loro, ed al quale segue anche il mio, ovviamente.

In primis, citando Patrizia, la studentessa in medicina, e, vista la tua risposta dove parli dell'anima fluttuante intorno al corpo in stato di coma anche per lunghi anni, in certi casi, prima che, eventualmente, riprenda coscienza. In ogni caso, come giustamente hai sottolineato, nessuno è in grado di governare questo stato.. Pertanto, essendo d'accordo col tuo pensiero, confermo l'inutile barbarie sull'accanimento terapeutico.  A suo tempo, essendomi interessato del caso Eluana, Welby, ed altri, sapendo bene che non son fatto di legno  o d'acciaio inossidabile, mi sono espresso ovviamente contro le varie polemiche "salvazionistiche" ad oltranza, del corpo e dell'anima, piuttosto violentemente ed altrettanto duro.

Questa premessa, serve ad agganciarmi al post di Gabriele - Dublino che dice: «Nessuno sa con certezza cosa avviene di questa energia una volta che lascia il nostro corpo, nessuno sa con certezza come questa "energia" entri nel feto una volta concepito»

Se non ricordo male, mi pare t'avessi già parlato di uno dei miei libri, intitolato: Da EDEN alle menzogne della chiesa. Testo nel quale espongo un nuovo concetto filosofico, supportato da eminenti scienziati come Boom, Maxwell, Butto, Reichenback, La Clerck ed altri, a dimostrazione che le energie di cui parla Gabriele, esistono e sono espresse dettagliatamente in: La Forza Energetica Cosmica, in un capitolo specifico e piuttosto lungo, del testo su citato.

In quest'occasione,  mi offre la possibilità di rispondere alla sua  citazione. Dunque:

. Nessuno sa con certezza cosa avviene di questa energia una volta che lascia il nostro corpo..
-Nel momento che la detta energia lascia il nostro corpo, questa, carica di un bagaglio di esperienza registrate in vita, e di quelle apportate dalla composizione genetica dei genitori, automaticamente viene attratta da una massa energetica superiore che l'assorbe e la trattiene... Hai presente la calamita? Ebbene, questo fenomeno ben conosciuto e studiato dalla Fisica, permette di capirne il concetto base che si rifà all'attrazione o repulsione del potenziale energetico  che compone la massa che verrà assorbita. In altre parole, tra positivo o negativo, una di queste polarità sovrasta l'altra attraendola o respingendola.

. ...nessuno sa con certezza come questa "energia" entri nel feto una volta concepito>
-Non è assolutamente vero che non si sappia come avviene questo fenomeno, anzi, è giusto un elemento cardine nel concetto filosofico di cui parlo.

Infatti, se si considera che ognuno di noi è considerato come un accumulatore energetico, per l'esempio una batteria, questa, ovviamente avrà due poli, uno positivo ed uno negativo.

Nel  momento, quindi, che una coppia si ritrova nell'atto della copulazione, le singole energie individualmente espresse nella coppia, assumeranno una dimensione molto più grande di quanto non si consideri. Succede, infatti, che la polarità individuale dei due soggetti, si fonderanno dando origine ad una massa energetica tale, che, per lo stesso principio, attrarrà un'altra massa energetica superiore che andrà  a scaricare, almeno in parte, quelle che sono le informazioni genetiche ed il potenziale acquisito dal morituro, che aveva già maturato e registrato una miriade di informazioni durante il decorso carnale.

. .Io credo che per questa forma energetica, che comunemente chiamiamo anima, essere costretta a tornare indietro, da dove non lo so, costituisca un trauma forse più grosso del precedente distacco.
-Nel passaggio precedente abbiamo visto che l'incontro delle masse energetiche di cui tutti indistintamente siamo composti, essendo che facciamo parte dell'Universo, e che siamo un tutt'UNO nell'Energia Cosmica, volenti o nolenti, scambieremo le informazioni che abbiamo acquisito vicendevolmente, non interamente, ma in maniera frammentaria, cioè, solo parti nano-metriche. Queste sono più che sufficienti, a dimostrare che i ricordi che affiorano sporadicamente come sensazioni di aver già vissuto esperienze di vite precedenti, parlando o scrivendo lingue morte ad esempio, oppure d'essere vissuti in un altra località, magari agli antipodi  rispetto al l'ultimo luogo di nascita e/o dove si muore,  non ha assolutamente a che fare con la Metempsicosi o Reincarnazione a cui tanto si crede ancora... Niente di più falso.
Tali sensazioni sono dovute semplicemente al riaffiorare di quelle parti nano-metriche di energia su citate, e che non debbono essere per forza quelle personali della vita appena spenta, bensì, provenienti da altre fonti, dal momento che la massa che le riceve, attrae tutto ciò che incontra durante il perpetuo vagare per il Cosmo Energetico.
Non torna indietro quindi, secondo quanto ci hanno maldestramente inculcato attraverso i secoli, e per millenni. Torna dalla fonte descritta, e, non costituisce alcun trauma, né grosso né piccolo, rispetto al precedente distacco che, come abbiamo visto, non esiste affatto.

Spero di esser stato sufficiente mente chiaro ed esaustivo. Chiedo umilmente scusa per essermi dilungato tanto, ma sentivo di non poter  entrare in tema senza espormi come ho fatto... Tenendo conto che quanto descritto è appena una briciola del concetto filosofico esposto nel libro.

Ringrazio te Mari e tutti coloro che si soffermeranno a leggere questo mio post, al quale aspetto commenti.
A tutti.  Grazie anticipate,  e buona serata.

Ada - Roma

04.05.09

Cara Maria Antonietta,
come vedi ti sono "venuta trovare"! ...sto spulciando il tuo sito qua e là, guardo i Talismani creati da te, scopro i tuoi dipinti bellissimi... e poi, questo tuo sensato testamento: svela, a mio parere, un profondo ed elevato sentire la vita, e ti ringrazio per questo tuo pieno e consapevole senso di Libertà, che ho letto tra le righe e che è sicuramente frutto dell'elaborazione delle tue esperienze, e che oggi rappresenta per me già una preziosa risposta alle numerose domande che mi sto facendo in questo particolare momento della mia vita.

Laura - Cagliari

29.04.09

Ciao M. Antonietta, hai scritto delle parole bellissime, sono pienamente d'accordo con te. Grazie per quello che scrivi buon lavoro.

Emy- Novara

25.04.09

Cara Maria Antonietta, hai espresso con queste parole il pensiero di molte persone su questo argomento compreso il mio, io ho visto morire mia madre e mio padre, hanno sofferto moltissimo, non avrebbero voluto essere tenuti in vita a tutti i costi. Nonostante il dolore che si prova nel perdere i propri cari, si soffre molto di più nel vederli ridotti a larve o vegetali. Chi si arroga il diritto di decidere sulla vita o sulla morte di qualcuno o non ha mai sofferto la perdita di una persona cara oppure è un grandissimo egoista e non sa amare. Chi ama veramente soffre ma sa quando è il momento di lasciare partire chi ama.

Claudia - Milano

29.03.09

Sono perfettamente d'accordo, tenere in vita artificialmente una persona (che non ha nessuna speranza di sopravvivere senza una macchina) equivale a trattenere la sua anima in questo mondo, impendendole di evolversi e di conseguenza di avvicinarsi a Dio...  La scienza dovrebbe allinearsi alla spiritualità non contrapporsi ad essa.

Risponde lunadivetro:

Il guaio è che a contrapporsi alla spiritualità, ora, è proprio la religione!

Marcella

13.02.09

Le sue parole hanno colmato di gioia il mio cuore e di lacrime i miei occhi... leggere per caso tra le sue righe il riflesso tanto cercato delle proprie emozioni e stupirsi di non essere soli nella lotta dignitosa ma ferma in difesa della vita... sì perché solo chi ama e rispetta pienamente la vita, sua e di ogni altro essere, comprende il naturale cammino del corpo verso la morte materiale senza la quale non ci sarebbe evoluzione per l'anima.

Romiro

1.02.09

Condivido in pieno... e condivido in pieno anche la risposta data alla studentessa di medicina. Lavoro in ospedale e credetemi di esperimenti (a volte un po' invasivi) se ne fanno sul paziente in coma... e nonostante tu possa essere 'sensibile' o avere una morale tutto questo avverrà sempre e comunque e ovunque e su chiunque... senza sapere o peggio ancora senza interessarsi se la persona che hai 'sotto' abbia o meno un testamento biologico o tanto più una DIGNITA'...

Grazie e mi scuso per essere così crudele nel riferire la realtà, ma chi sarà futuro medico deve sapere che prima c'è il RISPETTO e la DIGNITA' per la persona e poi il medico.

Adry

12.02.09

Brava! Le tue parole fanno riflettere, scrivi cose giustissime! Permettimi di mandare un pensiero ad Eluana, che possa finalmente riposare in pace e possa consolare il grande dolore dei genitori...

Karmillion - Salerno

31.01.09

Devo dire invero di non condividere al 100% il tuo testamento specie per ciò che riguarda la scienza... ma non tutti siamo uguali ^_^ e sono punti di vista.

Capisco ciò che dici però senza la sperimentazione e la voglia di conoscenza che spinge gli uomini molte cose ora non sarebbero possibili, né curabili, né sapremmo ciò che sappiamo e vivremmo ancora all'ombra dell'ignoranza. Andrebbe fatta distinzione tra chi opera nel bene e chi nel segno dell'onnipotenza...

Però apprezzo molto il tuo modo di vedere la libertà e soprattutto la morte. E la condivido ^_^

Si percepisce inoltre in quanto scrivi tutta la tua Forza e la tua fede in ciò in cui hai fiducia e credi ed a mio parere ciò vale molto più di tante altre cose.

Un saluto ciaooo!

Risponde lunadivetro:

Caro Karmillion, questo è il MIO testamento biologico, ed è giusto che il tuo possa essere diverso, perché altrimenti ricadremmo nell'imposizione.

Quanto alla scienza, io non la ripudio affatto; e tanto meno ripudio la ricerca, perché è necessaria. Ma la scienza deve avere l'umiltà di arrendersi quando si rende conto che non è possibile fare qualcosa per migliorare  una vita, o addirittura per far "risorgere" qualcuno da morte, e che ogni tentativo si tradurrebbe in un prolungamento d'agonia. Oltre a questo, la scienza dovrebbe sempre fermarsi di fronte alla volontà contraria dell'individuo: diversamente non sarebbe a servizio dell'uomo, ma a servizio di se stessa o di ideologie imposte dall'alto.

Patrizia

20.01.09

Carissima Maria Antonietta e Gabriele di Dublino, io sono una ragazza studentessa di medicina, e mi trovo in accordo con lo scritto di Maria ma vorrei farvi riflettere su ciò scritto da Gabriele, di cui a volte è vero nel mondo medico, ma nella mia famiglia, ed espressamente a mia mamma è capitato, quando era in coma ed era una ragazzina di fluttuare sopra il suo corpo malato, e desiderare di vivere nonostante i medici avessero chiamato il sacerdote per darle la benedizione per entrare in cielo, la sua forza di volontà e l'attesa dei medici le hanno permesso di ritornare e di vivere!

Come futuro medico credo che le persone vadano rispettate, comprese le loro scelte, e qualsiasi medico per quanto abbia studiato non ha tutte le risposte e l'attrezzatura per poter stabilire in caso di coma dove sia l'anima del paziente e quale sia il suo desiderio. Credo che ognuno di noi debba liberare la mente e seguire il cuore, specialmente quando dobbiamo decidere per un'altra vita, oltre che alla nostra.

Tutti noi dovremo gioire di più per tutti i doni che ogni giorno abbiamo e che diamo per scontato, ma che ci danno la felicità quella vera: l'amore delle persone che amiamo, loro stesse, ogni giorno di salute, ogni giorno di malattia che ci ha permesso di guarire, di crescere e di diventare un essere umano migliore. Grazie per avermi ascoltato.

Risponde lunadivetro:

Cara Patrizia, i principi di uno studente di medicina sono dettati dalla sua sensibilità e dal suo carattere. Quel che tu dici è  rispettabile e condivisibile; ma una volta che sarai medico a poco varrà la tua sensibilità, quando ti troverai di fronte a delle situazioni concrete in cui sarai costretta a verificare lo stato dei pazienti e a decidere per loro. Non potrai prendere alcuna decisione solo in base a ciò che "senti".

Vedi, un conto è un breve periodo di coma (breve può significare anche qualche anno), durante il quale davvero l'anima fluttua nei pressi del corpo desiderosa in alcuni casi di tornarci (ma non sempre il coma è cosciente in questo modo). Diverso è quando si parla di una non vita protratta per diciassette agonizzanti anni, senza alcuna speranza di recupero.

Ma anche ammettendo che ci possa essere un risveglio dopo così tanto tempo - cosa che comunque non accade -, tu hai la responsabilità morale di chiederti come sarebbe la pseudo-vita di quella persona richiamata forzatamente dall'altro mondo. Veramente avresti il coraggio di caricarti la coscienza di sofferenze inenarrabili?

L'accanimento terapeutico è dettato da principi religiosi sbagliati e paradossali, oltre che dall'attesa dei familiari, che supponiamo debba essere eterna; ma non c'è nessun rispetto per la persona che tratteniamo qui con la forza trasformandola in una macchina senza che proviamo alcuna pietà per lei.

Potremo tenere in vita artificialmente Eluana per altri cento anni; i suoi cari saranno già morti di morte naturale, mentre lei continuerà a fare la cavia per i nostri esperimenti scientifici e ideologici.

Gabriele - Dublino

07.12.08

Se facciamo una riflessione, anche abbastanza scontata, scopriamo che il corpo in quanto materia organica da solo non va da nessuna parte, ma ha bisogno di una energia esterna che gli permetta di interagire con il mondo circostante.

Quella che comunemente chiamiamo anima, io credo che sia l'energia che sostenta il nostro corpo permettendogli di vivere tutte le sensazioni da noi conosciute come vita umana.

Nessuno sa con certezza cosa avviene di questa energia una volta che lascia il nostro corpo, nessuno sa con certezza come questa "energia" entri nel feto una volta concepito.

Quello che io posso testimoniare personalmente, per fatti accaduti nella mia famiglia ed in altre conosciute, quando un individuo va in coma, per qualsiasi motivo, e riesce ad uscirne in qualche modo fuori, in maniera proporzionale alla durata del coma il suo carattere risulterà profondamente alterato, al punto tale che sicuramente avrà atteggiamenti violenti nei confronti degli altri.

Io credo che qualcuno, spinto da ambizione di emulazione divina, abbia provato a ridar vita ad un corpo clinicamente morto, e non solo nella finzione scenica di un film. Se tanto dà tanto, ciò che abbiamo visto nei film sarà assoluta verità, cioè orrore assoluto.

Ognuno dovrebbe pensare molto attentamente a ciò che sta facendo cercando di rimettere in vita un corpo ormai morto. Io credo che per questa forma energetica, che comunemente chiamiamo anima, essere costretta a tornare indietro, da dove non lo so, costituisca un trauma forse più grosso del precedente distacco.

Quello che posso dire per concludere, è che condivido la tua tesi e mai al mondo se personalmente dovessi ammalarmi in modo irrimediabile, permetterei che facessero su di me una cosa simile.

Antonio

29.11.08

...è giusto... anche perché non c'è più misericordia umana nel curare!

Marymar - Parma

21.11.08

Ciao Mariantonietta. Ho letto ieri le tue parole sul testamento biologico e morale, esprimono molto bene il sentire di sempre più persone.

Un saluto e un grazie per le preziose informazioni che possiamo trovare sul sito.

indietro

.