home dipinti ciondoli il talismano scoperte event-gallery rass. stampa

LA SPIRITUALITÀ HA UN CORPO

Spesso il significato della parola "spiritualità" viene frainteso.

Con questo termine si intende di solito qualcosa collegato alla religione, all'ascetismo e a concetti del genere. Si dice "io sono una persona spirituale" per indicare che ci si sente vicini alla Chiesa, o al cristianesimo, o a Dio.

Ma l'essere una persona spirituale ha ben altro significato. La spiritualità altro non è che la capacità di volgere la propria coscienza ad individuare il bene comune e l'amore, inteso in tutti i sensi; di cercare l'essenza delle cose senza fermarsi alle apparenze, senza lasciarsi traviare dalle convenzioni o dai pregiudizi. Vera spiritualità è la purezza dell'animo, del cuore, della mente. La ricerca interiore, che costituisce una vera sfida per l'essere umano, è un suo elemento fondamentale.

La base della spiritualità sta nella capacità di vivere intensamente. Se non si sa apprezzare la vita, se non si sa godere delle cose buone e belle dell'esistenza, non può esservi vera spiritualità. Perché più si è contenti e propensi a meravigliarsi e a gioire di quanto ci circonda, più si diviene capaci di trasmettere il bene e il bello che si ha dentro di sé e di invogliare il prossimo a fare altrettanto. Se non si è in grado di apprezzare il Creato e godere delle sue attrattive, non si può arrivare al Creatore.

Perciò la spiritualità intesa nel senso comune del termine è una sua deformazione aberrante, un qualcosa che allontana da Dio anziché avvicinare a Lui. Proprio in nome della spiritualità, infatti, spesso ci viene imposto di rinunciare ai piaceri della vita, o almeno a buona parte di essi. Eppure è insensato credere che Dio ci abbia posto sulla terra perché ci priviamo volontariamente di ciò che ha messo a nostra disposizione. Un Dio buono non può volere il sacrificio dell'uomo, ma piuttosto che sia felice e sappia gustare ciò che gli ha dato, così da poter capire l'importanza della propria esistenza. Come si può pensare di avvicinarsi a Dio disprezzando i suoi doni, disprezzando la vita?

Una nostra cattiva abitudine è quella di tentare di richiamare l'attenzione di Dio rinunciando a ciò che siamo e alle prerogative del mondo della materia. Ma Dio non ha bisogno delle nostre rinunce. Cosa mai ci guadagnerebbe? E' vero che a volte sono inevitabili, ma le rinunce volontarie spesso sono solo un alibi per evitare di diventare ciò che siamo chiamati ad essere, per sottrarci al completamento di noi stessi.

Allo stesso modo, proiettarsi troppo nella speranza di una vita futura significa non essere capaci di vivere appieno quella attuale. E questo è un torto che si fa a Dio e a se stessi. Se non siamo in grado di riconoscere e vivere nel presente la gioia e il piacere, e soprattutto se siamo convinti che la sofferenza ci apra le porte del Paradiso o addirittura che costituisca una via privilegiata per arrivarci, come riusciremo a godere di qualcosa dopo la morte? Se la nostra capacità di provare piacere è atrofizzata, le cose non cambieranno quando arriveremo all'altro mondo! L'attitudine a rallegrarsi delle cose è come un bambino che deve crescere e apprendere. Se lo teniamo al buio e gli impediamo di assaporare le meraviglie dell'esistenza, anche quelle più comuni, non crescerà in modo sano; e quando oltrepasserà la soglia di casa continuerà ad essere un bambino non formato.

Perciò la vita terrena non può essere considerata una fase di transito. E' solo una tappa dell'evoluzione umana, è vero, ma non è meno importante delle altre tappe. Anzi, è un'occasione unica di sentire e conoscere ciò che non si potrà mai sperimentare in altri mondi.

Ritenere che questa vita sia solo una preparazione ad un successivo stato di esistenza diventa, in molte circostanze, una giustificazione all'incapacità di vivere.

Maria Antonietta Pirrigheddu

25.09.10

Vedi anche:

Arte, scienza, spiritualità

Commenta l'articolo

Leggi i commenti

.