home cosa cerchiamo dipinti ciondoli il talismano scoperte 72 angeli

 

 

7. ACHAIAH

Pazienza

È l’arte di saper ascoltare senza affrettarsi a giudicare,
non solo gli esseri ma anche gli eventi. Non si tratta della predisposizione alla tolleranza e alla sopportazione: si fonda piuttosto su una comprensione intelligente che sa valutare come e quando agire o reagire.

La vera pazienza sa che dietro ogni accadimento c'è un motivo, seppur non facile da intuire; riconosce che ogni avvenimento ha senso e significato e può essere fonte di insegnamenti preziosi.
 Perciò è capace di affidarsi alla Vita e accoglierla con serenità,
liberandosi da aspettative eccessive e conseguenti delusioni.
Ecco perché la pazienza, in tutte le sue forme,
non è una virtù completa se non si applica anche a se stessi.

Vuoi approfondire?

 
 

 
 

Achaiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati dal 21 al 25 aprile circa, i quali - secondo la Tradizione - ricevono questi doni:

Grande capacità di ascolto e comprensione.

Senso pratico. Intelligenza viva, ingegno.

Capacità di approfondire le situazioni e di vedere i problemi da angolature diverse,
giungendo facilmente a risoluzione.

Capacità di portare a termine lavori complessi.

Attitudine a cogliere il senso della vita.

 
 

 
 

Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione.
Naturalmente è raro sviluppare tutte le tendenze portate dai nostri tre Angeli di nascita: saranno il carattere, l'ambiente e le vicissitudini della vita a scegliere con noi. Ma attraverso il dono, l'angelo dà anche se stesso.

 

 

Nell'antichità Achaiah veniva invocato con questo versetto:

"Buono e pietoso è il Signore,
lento all'ira e grande nell'amore"
 

(Sal. 103,8)

 

   .

   
   

 

 
 

Testi di M. Antonietta Pirrigheddu

© proprietà letteraria riservata