home cosa cerchiamo dipinti ciondoli il talismano scoperte 72 angeli

 

 

39. REHAEL

Rispetto filiale

La propria famiglia, comunque essa sia, è il trampolino di lancio per la realizzazione del destino personale. È nella famiglia, infatti, che si ricevono i primi insegnamenti, grazie ai quali si impara a distinguere il bene dal male. Ecco perché è fondamentale accettarla, anche se potrà rendersi necessario un distacco, fisico o emotivo. Sia che gli insegnamenti familiari ci facciano stare bene, sia che ci creino disagio o sofferenza, è ciò di cui abbiamo bisogno - almeno all'inizio della vita - per porre le basi del nostro sviluppo. Nella famiglia che ci è stata data, o meglio che abbiamo scelto prima di nascere, è nascosta la chiave per aprire il nostro tesoro personale.

Il rispetto filiale è la conquista di una feconda pace – fondata sull’amore reciproco – tra figli e genitori, i quali riescono a trasmettere” senza imporre. Questo affettuoso atteggiamento trabocca dalle mura domestiche e conduce a guardare con uguale rispetto ogni creatura. Il rispetto però non va mai con fuso con l’accondiscendenza o la sottomissione. Al contrario, si fonda sulla franchezza e sulla capacità di manifestare il proprio pensiero con coraggio, onestà e intelligenza.

Vuoi approfondire?

 
 

 
 

Rehael è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati dal 4 all'8 ottobre circa, i quali - secondo la Tradizione - ricevono questi doni:

 Doti di introspezione, di analisi e autoanalisi.
Capacità di evolvere attraverso gli insegnamenti ricevuti dalla propria famiglia
e dalle proprie condizioni di nascita.
Attitudine a superare i conflitti familiari.
Propensione ad ascoltare il “Padre” divino in sé.
Comprensione delle leggi di causa ed effetto.
Abilità nel farsi ascoltare e nel portare pace.
Capacità di superare il passato per andare, senza timore, verso qualcosa di nuovo.

 
 

 
 

Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione.
Naturalmente è raro sviluppare tutte le tendenze portate dai nostri tre Angeli di nascita: saranno il carattere, l'ambiente e le vicissitudini della vita a scegliere con noi. Ma attraverso il dono, l'angelo dà anche se stesso.

 

 

Nell'antichità Rehael veniva invocato con questo versetto:

"Ascolta, Signore, abbi misericordia,
Signore, vieni in mio aiuto"
 

(Sal. 30,11)

 

   .

   
   

 

 
 

Testi di M. Antonietta Pirrigheddu

© proprietà letteraria riservata