home cosa cerchiamo dipinti ciondoli il talismano scoperte 72 angeli

 

 

34. LEHAHIAH

Obbedienza alle Leggi divine

È la capacità di entrare spontaneamente in armonia con le Leggi universali, che nasce quando la coscienza ne riconosce la fondatezza.

In questo caso obbedire non significa eseguire un ordine. Significa piuttosto intuire come tutto funzioni, e di conseguenza accettare il proprio ruolo con piena convinzione e gioia. Perciò l’obbedienza riguarda soprattutto la propria interiorità: è l’attitudine a riconoscere quanto di grande vi è in sé, accogliendo l’invito a svilupparlo e manifestarlo per il bene di tutti.

Vuoi approfondire?

 
 

 
 

Lehahiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati dall'8 al 13 settembre circa, i quali - secondo la Tradizione - ricevono questi doni:

 Comprensione delle Leggi su cui si fonda l'universo.
Fedeltà a se stessi e ai propri princìpi. Serietà.
Lealtà nelle amicizie e nei rapporti in generale.
Attitudine a portare pace in situazioni conflittuali.
Capacità di spazzare via le convinzioni e le idee ormai obsolete.
Tendenza a rifuggire dalla monotonia.
Doti di autocontrollo e di dominio sulle proprie passioni.
Inclinazione a mantenere l'armonia tra le proprie componenti interiori.

 
 

 
 

Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione.
Naturalmente è raro sviluppare tutte le tendenze portate dai nostri tre Angeli di nascita: saranno il carattere, l'ambiente e le vicissitudini della vita a scegliere con noi. Ma attraverso il dono, l'angelo dà anche se stesso.

 

 

Nell'antichità Lehahiah veniva invocato con questo versetto:

"Speri Israele nel Signore,
ora e sempre"

(Sal. 131,3)

 

   .

   
   

 

 
 

Testi di M. Antonietta Pirrigheddu

© proprietà letteraria riservata