home 72 angeli articoli ciondoli talismani libro degli ospiti contatti


 

26. NITHAIAH

Saggezza

È la giusta comprensione delle cose e del loro fondamento. Non è però la conoscenza a guidare la persona saggia, bensì la purezza del cuore. Perciò è capace di operare guardando al bene comune, senza lasciarsi influenzare dall’interesse personale. Soprattutto sa dare nella misura in cui ha appreso. La saggezza, infatti, non è fine a se stessa: poiché può manifestarsi solo come dono, dev’essere comunicata e messa a disposizione degli altri.
La saggezza consiglia, mostra la giusta via, aiuta ad evitare gli errori o a impantanarsi in situazione complicate; offre sostegno a chi lo desidera e lo sa afferrare; usa parole calde e amorevoli, perché sa che si può sbagliare anche in buona fede.

 
 

 
 

Nithaiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati dal 23 al 28 luglio circa, i quali - secondo la Tradizione - ricevono questi doni:

Concretezza. Libertà intellettuale. Anticonformismo.
Attitudine a ricercare il significato profondo degli eventi.
Capacità di ascoltare, di comprendere e di consigliare con amorevolezza.

 
 

 
 

Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione. Siamo noi a decidere cosa sviluppare, lasciandoci condizionare dall'ambiente esterno o scegliendo di liberare tutto il nostro potenziale.

Solitamente conosciamo il nome di un solo angelo di nascita, ma in realtà essi sono tre e si possono individuare in base al momento in cui siamo venuti al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi, guidandoci a capire meglio ciò verso cui ci muoviamo. Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami e ti metterò a disposizione uno strumento importante. Ne resterai sorpreso!

 

zoom

 

 

Nell'antichità Nithaiah veniva invocato con questo versetto:

«Loderò il Signore con tutto il cuore
e annunzierò tutte le sue meraviglie»

(Sal. 9,2)

 

   .

 

Testi di M. Antonietta Pirrigheddu

© proprietà letteraria riservata