home 72 angeli articoli ciondoli talismani libro degli ospiti contatti


 

24. HAHEUIAH

Protezione

Nessuno potrà proteggere la nostra esistenza se noi stessi non impariamo a custodire ciò che siamo, il nostro presente e il nostro futuro. Lo faremo anzitutto non permettendo al passato di divenire per noi un fardello. L’errore appartiene all’uomo, ma non può diventare una catena: dopo aver ammesso e riparato le proprie mancanze, e imparato da esse, occorre avere il buonsenso di lasciarsele alle spalle. Guadagneremo la libertà di guardare alla vita con spirito nuovo, salvaguardando il nostro presente e preparandoci ad accogliere un buon futuro.
Sarà poi naturale acquisire la capacità di custodire anche quanto ci sta intorno, di prestare attenzione, di vigilare affinché gli altri esseri non abbiano a subire soprusi o ingiustizie. Saremo capaci di adoperarci per evitare che altri cadano nei nostri stessi errori. E impareremo che “proteggere” significa anche insegnare ai più deboli a destreggiarsi autonomamente in ogni circostanza.

 
 

 
 

Haheuiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati dal 18 al 23 luglio circa, i quali - secondo la Tradizione - ricevono questi doni:

Capacità di guardare al futuro con ottimismo ed entusiasmo. Curiosità e passione per le novità.
Indole amabile; lealtà; altruismo. Grande libertà di spirito.
Temperamento da leader. Attitudine per le scienze esatte.

 
 

 
 

Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione. Siamo noi a decidere cosa sviluppare, lasciandoci condizionare dall'ambiente esterno o scegliendo di liberare tutto il nostro potenziale.

Solitamente conosciamo il nome di un solo angelo di nascita, ma in realtà essi sono tre e si possono individuare in base al momento in cui siamo venuti al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi, guidandoci a capire meglio ciò verso cui ci muoviamo. Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami e ti metterò a disposizione uno strumento importante. Ne resterai sorpreso!

zoom

 

 

Nell'antichità Haheuiah veniva invocato con questo versetto:

«Ecco, l'occhio del Signore veglia su chi lo teme,
su chi spera nella sua grazia»

(Sal. 33,18)

 

   .

 

Testi di M. Antonietta Pirrigheddu

© proprietà letteraria riservata