home cosa cerchiamo dipinti ciondoli il talismano scoperte lascia un segno

 

Aldo Paliaga

EMERGENCY

 I rapporti del mondo occidentale con il terzo mondo, con i paesi meno sviluppati, meno fortunati ed evoluti sono stati sempre impari. Sono stati imposti nel proprio stretto interesse attraverso il commercio, le guerre, transazioni economiche inique, scambi impari, talora attraverso la paura, depredando e sostenendo di farlo per portare la civiltà, la nostra civiltà occidentale. Per secoli si è colonizzato, ci si è procurato schiavi, per secoli il bilancio economico è stato impari.

Quando si conquistano colonie nel terzo mondo, quando si sfruttano le popolazioni, si impongono trattati e transazioni furbe o inique nel proprio esclusivo interesse, quando alla reazione, all’ira di queste popolazioni, all’orgoglio e alla dignità feriti, ai diritti violati o alla miseria si reagisce come si può, anche con il terrorismo, fino al fenomeno dei Kamikaze, allora si reagisce con l’aggressione armata, con veri e propri genocidi come in Iraq, con spedizioni belliche tecnologicamente avanzate, con i bombardamenti.

Provi un occidentale, perché è soprattutto dell’Occidente che per il momento si parla, ad andarsene a spasso da solo, anche se armato, in Afganistan. Lì, Gino strada non ha avuto e non ha bisogno di protezione: egli è lì a dare aiuto, rappresenta la fraternità disinteressata. Egli sa dare con il bisogno e il piacere di aiutare, di andare incontro alla sofferenza e di alleviarla, di curare. Lì egli ha trovato fratelli e figli; non teme, anche se è un occidentale. Egli rappresenta però un elemento di confronto negativo, una pietra di paragone negativa con la maggior parte del mondo occidentale. Ciò non è gradito perché fa pensare, dovrebbe farci pensare.

 

precedente

successivo