home dipinti scoperte il talismano 72 angeli even-gallery chi sono

UNIVERSITÀ della TERZA ETÀ

XI Anno Accademico 2009/2010

 

RITRATTO DI UN

COMMEDIOGRAFO GALLURESE:

MARCUCCIO ACHENZA

 

Tempio, 29 aprile 2010 ore 17.00

Con:

La Filodrammatica Gallurese

Paolo Demuro

Andrea Muzzeddu

Tomaso Panu

Marcello Pirina

Maria Antonietta Pirrigheddu

Giuseppe Sotgiu

Bruno Vargiu

Conduce

Elena Fraschini

Coordinamento

Giovanni Maria Pasella

 

 

«A la cumpritoggja bisogna chi ancor'eu infioria llu dialettu cun calche dittu, comu si facìa primma illi cuntrasti impultanti. Lu più adattu mi pari: "Dugna cosa 'eni a fini". Eddunca, socu arriatu a la fini e come tutti lli libbri chi si rispettani la conclusioni vo affattenti a l'algumentu trattatu.

Un romanzu tragicu no pó finì che cu la molti di lu passunaggju più impultanti, unu giallu, cu l'arrestu di lu malfaccenti, unu d'amori cu li fiori d'aranciu e unu come chistu, comu doarìa finì?

V'aggju pinsatu subbra pa un beddu pocu e aggju dizzisu di cuncludì pultendi oppinioni d'alti chi la pensani  come me, ancora siddu socu siguru, chi no sarani cundivisi da umbé. Ani, pinsendivi bè, li conclusioni so dui, e sarìani:

1) la calata è guasi sempri un vantaggju;

2) lu dialettu è meddu di la linga, palchì è più sbrigattivu, invecci la linga anda trattata pa nizissitai.

L'espressioni dialettali àni calche cosa in più chi inni 'ttalianu no s'agatta.

E' pal chissu chi eu aggju sempri dittu chi lu dialettu è meddu di la linga. Chista si dé faiddà bè, sidd'è pussibili, ma risulta come un vistiri nou di pannu nieddu cun camisgia bianca e culbattedda a fioccu. Tocca stà abbeddu attenti palchì dugna cosaredda lu pó imbruttà.

Lu dialettu invecci, lu paraguniggju a un vistiri di culori, beddu comudu, chi trattemu dugna dì e cun chissu ci sintimu più libbari di muicci comu ci piaci.

Ni 'uleti la proa? Siddu si faci calche "papera" faiddendi inni 'ttalianu, si pó arruinà tuttu. Siddu la "papera" si faci faiddendi in dialettu, ci si passa subbra, e calche volta la cosa pó divintà più gustosa. No vi pari?

Sigundu lu ch'aggju cilcatu di spiegà, la primma conclusioni è chi la calata no è un dannu, anzi, umbè di 'olti, rendi lu dialettu più caratteristicu e più adattu a la burrula. O palchì criditi chi Goldoni aggja scrittu umbè di cumedi in dialettu e no si sia preoccupatu di traducilli in ittalianu? Palchì traducendili paldini l'effettu ch'àni in dialettu.

E candu l'à scritti inni 'ttalianu, à postu guasi sempri calche unu chi faedda lu venezianu, appuntu pal falli rindì di più.

Abbandunendi lu dialettu no ci-avvidimu di lu chi semu paldendi. e chissu no lu socu dicend'eu chi socu amanti di lu gadduresu, e possu 'idé una cosa par un'alta, ma la dicini passoni impultanti ch'àni scrittu libbri subbra a chist'algumentu, come li ch'aggju zittatu, e alti ancora, chi no mintou pa no allungà troppu lu cuntrastu, e chi m'àni cunvintu ancora di più subbra a la me' oppinioni.

E cussì aggju cumpritu a pittinà la gjatta.

Abà vi salutu a la moda gadduresa antica: Salutu e tricu a tutti.»

Marcuccio Achenza

.