home dipinti scoperte il talismano 72 angeli even-gallery chi sono

Natale è una stella

presenta

 

 

 

 

DA PASCA A CAPUANNU

 

PARAULI FOLTI, TRADIZIONI
E USI IN DISUSO

 

 

Solo da Natale a Capodanno si poteva – e si può, per chi ancora ci crede - apprendere “li Parauli folti”,  filastrocche di reminiscenze di dottrina religiosa per ritrovare gli oggetti smarriti, per fermare gli incendi, per il mal di pancia...

E questa sera abbiamo l’occasione di impararle.

con

  Maria Antonietta e Mario Pirrigheddu

accompagnamento musicale di

Nico Bianco

      

 

 

 

"Li parauli folti" (le formule magiche) per :

 

lu dulol di mazza
(il mal di pancia)

lu dulol di capu
(il mal di testa)

li brusgiaturi
(le ustioni)

lu signuzzu
(il singhiozzo)

li 'arruculi
(verruche e porri)

la rosca ill'occj
(per un bruscolo negli occhi)

pa la carri fiaccata
(gli strappi muscolari)

la bucatura
(per le distorsioni)

pa stancià lu sangu
(per fermare un'emorragia)

pa una bua o cassisìa firuta
(per le ferite)

pa agattà li cosi palduti
(per ritrovare gli oggetti smarriti)

 

di la mulditura
(contro i morsi di animali)

pa no timì
(per vincere la paura)

pa lu strobbu
(per evitare intoppi e impedimenti)

pa calmà lu 'entu
(per calmare il vento)

di candu v'è timpesta
(contro la tempesta)

pa filmà lu focu
(per arrestare gli incendi)

la gruci manna pa lu  mali d'auttu
(contro la morte improvvisa)

pa intrà illi gjesgi di campagna
(prima di entrare nelle chiese di campagna)

lu colpu di l'occj
(contro il malocchio)

li dodici parauli pa la Rèula
(contro gli spiriti maligni)

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 La Nuova Sardegna 27.12.09

 
 

.